Il laureato

 

 

 

 

 

LA-                             MI   7          LA-

Ho lavorato tutte quante le mie ore

RE-                           SOL  7          DO

Ed ho risposto signorsì per mille volte

RE-                                             LA-

Ho imprigionato la mia tigre inferocita

MI   7                                             LA-

L’ho trasformata in un cane bastonato

 

Ho preparato la mia moka da sei tazze

Ed ho mangiato pane e acciughe per la cena

Ed ho allentato per un po’ le mie catene

Poi ho chiamato casa e ho detto che sto bene

 

Ed ho lavato la mia anima macchiata

Ed ho pagato luce e affitto al padreterno

E mentre recito un rosario di bestemmie

Penso che in fondo io mi trovo già all’inferno

 

DO                                  Sol

E poi li vedo nei salotti impomatati

DO                                  MI

Questi bastardi faccendieri e deputati

FA                                  DO

Questi sciacalli farabutti di partito

MI      7                               LA-

Che si spartiscono un Paese ormai sfinito

 

DO                                  Sol

Ma li sentite questi porci maledetti

DO                                  MI

Coi loro abiti firmati e i culi stretti

FA                                  DO

Queste canaglie che si azzuffano affamate

MI      7                               LA-

Davanti a mani vuote e a facce disperate

 

STRUMENTALE

 

LA-                             MI   7          LA-

E mi ricordo quante notti a luce bassa

RE-                           SOL  7          DO

Su quelle pagine a studiare per gli esami

RE-                                             LA-

E non sapevo che il futuro non esiste

MI   7                                             LA-

Che la mia vita me l’han tolta dalle mani

 

E mille porte da bussare e andare avanti

E quei colloqui che ti chiedono “esperienza”

E intanto i sogni sono sempre più distanti

E tu sei stanco e stai perdendo la pazienza

 

Poi vedi idioti come il figlio del leghista

E senti troie che si credono madame

E comunisti coi vestiti di Versace

E servi flaccidi del cavalier rapace

 

DO                                  Sol

Ma li vedete nei salotti impomatati

DO                                  MI

Questi bastardi faccendieri deputati

FA                                  DO

Questi sciacalli farabutti di partito

MI      7                               LA-

Che si spartiscono un Paese ormai sfinito

 

DO                                  Sol

Ma li sentite questi porci maledetti

DO                                  MI

Coi loro abiti firmati e i culi stretti

FA                                  DO

Queste canaglie che si azzuffano affamate

MI      7                               LA-

Davanti a bocche secche e vite disperate

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *