Avatar

– Allora, cosa ne pensi?

Sono appena uscito dalla sala. Ho visto Avatar. Sono frastornato, compiaciuto, sazio. Ho fatto una scorpacciata di effetti speciali. Ho trascorso tre ore in un mondo che non c’è e ringrazio il cinema per la capacità di rapirti e farti vedere con i tuoi occhi anche cose che non esistono.
Fuori c’è una calca di gente che cerca di entrare per lo spettacolo successivo.
Io sono stato fortunato. Ho assistito a una proiezione privata.
Mi avvicino al bancone del bar e noto due ragazzi travestiti da
intelletualicoltisuperespertidicinemachenesannopiùditutti.
Sono appena usciti anche loro. Uno è magrolino, capelli corvini cortissimi, occhialini alla Camillo Benso, giacchettina nera, borsa di cuoio che arriva alle ginocchia, jeans aderente con stivaletti neri lucidi. L’altro ha i capelli chiari, lunghi e unti. Indossa un maglione smollato e porta uno zainetto con scritte giapponesi.
È uno di quelli che escono di casa una volta al mese per riempire il carrello di surgelati e trascorrono gli altri 29 giorni a strafarsi di manga, Rpg e tanto, tanto social network.

– Ti dirò… – Risponde il magrolino – mi aspettavo di più.

– Vero! – Conferma il geek – Tutto scontato. Un’americanata senza sentimento.

– Cameron, mi ha proprio deluso – fa eco lo smilzo. Parla come se il regista lui lo conoscesse di persona. Magari si sono visti la sera prima per succhiarsi due gamberetti alla griglia.

– Citazioni ovunque. La trama presa pari pari da Miakazzi Togutsura. Il design del mondo lo ha inventato 10 anni fa Totsuko Motsuky, per non parlare poi di alcune atmosfere alla Tipolosky…

– Certo, certo. E perché il personaggio di lei? Non è Mitsubishy della saga delle Princess of Cozz?

– Esatto! Ma ti dirò… hai visto i veicoli?

– Ho my God, i veicoli!

– Non dirmi che non hai notato le stesse forme di Toyotatsy Mastykatsy.

– Identiche!

– Io ci ho trovato anche una certa approssimazione nella logica della gestualità indigena…

– Sì, è vero. È la prima cosa che ho notato.

– Ovviamente la fisica riveduta e corretta ha reso più fruibile un discorso che altrimenti sarebbe apparso incongruo e inevitabilmente sopra le righe…

Non ce la faccio. Mi avvio verso l’uscita. Devo dire che mi sarebbe piaciuto sentire un parere. Lo ammetto, ho fatto finta di sistemarmi il giaccone per ascoltare quello che dicevano quei due tipi. Devo però ammettere pure che in quel ragionamento che hanno fatto non ci ho capito un benedetto trancio di legno (nel senso di una mazza). Se questi personaggi sono qui, è perché qualcuno li ha invitati, penso. È perché forse scrivono per una testata o per un blog, o chessò sono amici della portinaia. Non lo so, ma in ogni caso, dovrebbero per lo meno essere appassionati di qualcosa alla quale hanno appena dedicato tre ore della propria vita.
Quando vai al cinema devi goderti lo spettacolo. A caldo esci dalla sala con uno stato d’animo: noia, stanchezza, tristezza e chi più ne ha più ne metta.
È questo quello che conta.

Non puoi stare lì a cogliere solo i rimandi per fare bella figura con gli intelletualoidi della tua cerchia che la vedono allo stesso modo. Non puoi rovinarti la vita così. Non puoi perderti l’arrosto perché cerchi di individuare le spezie.

Eppure c’è gente che si martella le biglie della vita cercando infiniti rimandi e citazioni. Lo fanno nella musica, nella pittura, nel cinema e il più delle volte è gente che non ha mai suonato, dipinto o recitato.

Che dire, io di Miakazzi Togutsura e Toyotatsy Mastykatsy non ne sapevo niente. Forse vivo in un altro mondo. Forse sono semplicemente più ignorante. Tutto qui. Non lo so proprio.

È vero, la storia forse era scontata e i personaggi stereotipati, ma io non ero andato a vedere la corazzata potemkin e ‘sto Avatar mi ha divertito un casino.

In fondo, a pensarci bene, io ero andato solo per quello…

2 comments

  1. Eheh…direi che si chiama iperspecializzazione. Sai tutto di tutto su qualcosa e quindi i tuoi parametri di valutazione sono solo quelli. Quante volte ho detto che Tomb Raider è un bel gioco per sentirmi dire, da gente che vive di videogiochi, che in realtà fa cacare. Non importa a me è piaciuto. Stesso discorso per la musica. Io ascolto musica da profano, non vedo note, spartiti e testi…io ascolto e basta…se mi smuove qualcosa dentro mi piace e se no non mi piace. Tutto qui. E non mi interessa se è una lirica o un pezzo tunz tunz da disco…o se chi l'ha scritta è di destra, di sinistra o non sa scrivere…conta solo quello che mi arriva dentro…

  2. Quanto hai ragione mio caro Anonimo (anonimo neanche tanto ;).
    A proposito di iperspecializzati mi hai fatto venire in mente che qualcuno si spaccia addirittura per filosofo dei videogiochi 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: